Inquinamento atmosferico: in Cina è un’epidemia

pubblicato in: Documentazione scientifica | 0

Ogni anno l’inquinamento causa milioni di vittime. Ormai è diventato un’epidemia, soprattutto in Cina.

Caso emblematico e molto discusso è stata la morte di una bambina di otto anni che viveva nei pressi di una strada trafficata, in una cittadina della provincia orientale dello Jiangsu, respirando polveri sottili. Secondo i medici si tratta della vittima più giovane di cancro in Cina.

cinese con maschera ossigeno
Fonte :http://qn.quotidiano.net/esteri/2013/11/05/977531-cina-bimba-muore-cancro-polmoni-inquinamento.shtml

Urbanizzazione e industrializzazione hanno creato uno dei peggiori casi di inquinamento al mondo, che è la causa dei crescenti tassi di tumori e malattie respiratorie.

 

Sono anni che ormai a Pechino si parla di «airpocalipse»

Si calcola che in Cina, a causa dello smog, muoiano prematuramente tra le 300 mila e il milione di persone, tra cui 140.000 morti per cancro al polmone.

inquinamento_cina
Fonte: http://www.lastampa.it/2016/12/21/esteri/la-mia-vita-con-la-mascherina-nella-cina-che-muore-di-smog-Ziga1SkWoNZcJuEjgQpeNP/pagina.html

Una vera e propria epidemia che infiamma l’opinione pubblica come niente prima d’ora. Flash mob studenteschi mettono mascherine alle statue e ai leoni di pietra che vigilano gli ingressi degli edifici tradizionali. Ci sono blogger che scattano la stessa foto tutti i giorni e poi le affiancano in un inquietante mosaico che mostra quanto siano rari i giorni di cielo blu. Sui Moments di WeChat, una piattaforma simile a Facebook, è un gioco collettivo tratteggiare sulle foto i contorni degli edifici resi invisibili dalla coltre di smog. I bar e le caffetterie offrono «airpocalypse happy hours» o cercano di attirare i clienti esponendo un cartello su strada: purificatori d’aria all’interno. Ci sono persino siti che ti insegnano come costruire da solo un purificatore.

Xie Zhenua, negoziatore cinese sul clima e vicepresidente della potente Commissione nazionale per le riforme e lo sviluppo, nel 2013 affermava che:
“ I problemi dell’aria in Cina sono dovuti al «modello di sviluppo obsoleto» del paese, alla sua «irragionevole struttura industriale e di energia» insieme allo scarico di sostanze inquinanti da parte di alcune grandi aziende. L’inquinamento è diventato fonte d’indignazione pubblica in Cina e le autorità hanno così pianificato un progetto per ridurre il livello delle particelle inquinanti a Pechino e in altre città del 25% entro il 2017…. Un obiettivo che si potrebbe raggiungere rallentando la crescita del consumo di carbone, per far si che la quota di queste fonti possa scendere del 65% nei prossimi quattro anni”.

Il governo sta cercando di porre rimedio a quest’emergenza. Nel piano quinquennale lanciato lo scorso anno, c’è l’obiettivo di ridurre l’inquinamento del 18 per cento entro il 2020.

Nel frattempo in Cina ormai le maschere sono diventate un accessorio come un altro. Diversi stilisti le hanno inserite nel loro catalogo e può succedere di vederle sulle passerelle delle sfilate di moda. Le giornate grigie condizionano l’umore e la vita di 460 milioni di persone della Cina settentrionale. E anche la loro percezione della realtà. I colori scompaiono e quando il livello sale si fatica a vedere ad appena cinquanta metri di distanza. Le strade si svuotano e gli edifici simbolo della città scompaiono. In uno scenario fantascientifico le insegne luminose si trasformano in aloni colorati. L’aria puzza. Frequenti emicranie e un costante principio di vomito accompagnano chi è costretto a rimanere all’aperto.

Su questo sito ci siamo già occupati di questo argomento.
L’inverno rappresenta il periodo di maggior pericolo per l’inquinamento dell’aria. Uno studio fatto proprio in Cina ha dimostrato come il succo di germoglio di broccolo sia il miglior rimedio naturale per eliminare gli inquinanti respirati con l’aria, in particolare il benzene e la acroleina. È stato dimostrato che una singola dose quotidiana di succo di germogli di broccolo Vegus elimina sin dal primo giorno più del 60% di benzene e oltre il 20% di acroleina. A tal proposito si consiglia la lettura dell’articolo: “Inquinanti atmosferici: disintossicarsi assumendo estratti di germogli di broccolo“.

Per conoscere il livello dei smog della tua città clicca qui Il livello di smog nella tua città

Fonti:

http://qn.quotidiano.net/esteri/2013/11/05/977531-cina-bimba-muore-cancro-polmoni-inquinamento.shtml
http://www.lastampa.it/2016/12/21/esteri/la-mia-vita-con-la-mascherina-nella-cina-che-muore-di-smog-Ziga1SkWoNZcJuEjgQpeNP/pagina.html
http://www.corriere.it/ambiente/13_novembre_25/conferenza-varsavia-l-occidente-non-sa-imporsi-clima-7dc7eeea-55c4-11e3-8836-65e64822c7fd.shtml
http://www.rainews.it/dl/rainews/articoli/Clima-A-Parigi-nessuna-concessione-da-parte-della-Cina-d85a8f7d-406e-4e8d-a4d1-74e6e5774eeb.html